Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
Neurologia
Reumatologia
Gastroenterologia.net

Gemcitabina e Capecitabina con o senza vaccino peptidico anti-telomerasi GV1001 nei pazienti con tumore pancreatico localmente avanzato o metastatico


Uno studio ha valutato l'efficacia e la sicurezza della vaccinazione anti-telomerasi ( GV1001 ), sequenziale o simultanea, in combinazione con la chemioterapia nei pazienti con carcinoma pancreatico localmente avanzato o metastatico.

TeloVac è uno studio randomizzato di fase 3, in aperto. Sono stati reclutati pazienti provenienti da 51 ospedali del Regno Unito.
I pazienti eleggibili erano naive al trattamento, di età a partire da 18 anni, con adenocarcinoma duttale del pancreas localmente avanzato o metastatico, e status performance ECOG di 0-2.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere la sola chemioterapia, la chemioterapia con GV1001 sequenziale ( chemioimmunoterapia sequenziale ), o la chemioterapia con GV1001 concomitante ( chemioimmunoterapia concomitante ).

La chemioterapia comprendeva 6 cicli di Gemcitabina [ Gemzar ] ( 1000 mg/m2, 30 minuti di infusione endovenosa, nei giorni 1, 8 e 15 ) e Capecitabina [ Xeloda ] ( 830 mg/m2 per via orale due volte al giorno per 21 giorni, ripetuta ogni 28 giorni ).

La chemioimmunoterapia sequenziale comprendeva 2 cicli di chemioterapia di combinazione, poi iniezione intradermica nel basso addome di fattore stimolante le colonie di granulociti-macrofagi ( GM-CSF, 75 mcg ) e GV1001 ( 0.56 mg; giorni 1, 3 e 5, una volta nelle settimane 2-4, e successivamente ogni 6 mesi ).

La chemioimmunoterapia concomitante comprendeva GV1001 dall'inizio della chemioterapia con GM-CSF come adiuvante.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale.

Il primo paziente è stato assegnato in modo casuale al trattamento nel 2007 e lo studio è stato terminato nel 2011.
Dei 1.572 pazienti esaminati, 1.062 sono stati assegnati in modo casuale al trattamento ( 358 pazienti sono stati assegnati al gruppo di chemioterapia, 350 al gruppo di chemioimmunoterapia sequenziale e 354 al gruppo di chemioimmunoterapia concomitante ).

Sono stati segnalati 772 decessi; 290 pazienti ancora in vita sono stati seguiti per un periodo medio di 6 mesi.

La sopravvivenza media globale non è stata significativamente differente nel gruppo chemioterapia rispetto al gruppo chemioimmunoterapia sequenziale ( 7.9 mesi vs 6.9 mesi; hazard ratio, HR=1.19, P=0.05 ) o al gruppo di chemioimmunoterapia concomitante ( 8.4 mesi, HR=1.05, P=0.64; log-rank globale di x2 2df=4.3; P=0.11 ).

Gli effetti tossici di grado 3-4 più comuni sono stati neutropenia ( 68 pazienti nel gruppo chemioterapia [ 19% ], 58 pazienti nel gruppo chemioimmunoterapia sequenziale [ 17% ], e 79 pazienti nel gruppo chemioimmunoterapia concomitante [ 22% ]; affaticamento ( 27 nel gruppo chemioterapia [ 8% ], 35 nel gruppo chemioimmunoterapia sequenziale [ 10% ], e 44 nel gruppo chemioimmunoterapia concomitante [ 12% ] ), e dolore ( 34 pazienti nel gruppo chemioterapia [ 9% ], 39 nel gruppo chemioimmunoterapia sequenziale [ 11% ], e 41 nel gruppo chemioimmunoterapia concomitante [ 12% ] ).

L’aggiunta del vaccino GV1001 alla chemioterapia non ha migliorato la sopravvivenza globale.
Sono necessarie nuove strategie per aumentare l'effetto della risposta immunitaria alla vaccinazione anti-telomerasi durante la chemioterapia per ottenere una efficacia clinica. ( Xagena2014 )

Middleton G et al, Lancet 2014;15:829-840

Gastro2014 Onco2014 Farma2014


Indietro