Cardiologia.net
Gastroenterologia.net
OncoGinecologia.net

Influenza: efficacia dei vaccini


Nessuna delle meta-analisi pubblicate ha valutato l’efficacia dei vaccini anti-influenzali approvati negli Stati Uniti con test diagnostici sensibili e altamente specifici per confermare l’influenza.

È stata effettuata una revisione della letteratura e sono stati selezionati gli studi randomizzati e controllati che hanno valutato la riduzione relativa nel rischio di influenza di tutti i virus influenzali circolanti durante singole stagioni dopo la vaccinazione e studi osservazionali che rispettavano i criteri di inclusione.

Gli studi selezionati avevano utilizzato RT-PCR o colture per confermare lo stato influenzale.

È stata stimata l’efficacia congiunta a effetti casuali per il vaccino trivalente inattivato e per il vaccino anti-influenzale vivo attenuato nel caso di dati disponibili per l’analisi statistica ( almeno 3 studi che confrontavano gruppi di età comparabili ).

Sono stati identificati 31 studi eleggibili ( 17 studi randomizzati e controllati e 14 studi osservazionali ).

La efficacia del vaccino trivalente inattivato è stata dimostrata in 8 ( 67% ) delle 12 stagioni analizzate e in 10 studi randomizzati e controllati ( efficacia congiunta 59% in adulti di età compresa tra 18 e 65 anni ).
Nessuno di tali studi ha soddisfatto i criteri di inclusione per bambini di età compresa tra 2 e 17 anni, o adulti di età uguale o superiore a 65 anni.

L’efficacia del vaccino anti-influenzale vivo attenuato è stata dimostrata in 9 ( 75% ) delle 12 stagioni analizzate e in 10 studi randomizzati e controllati ( efficacia congiunta 83% ) in bambini di età compresa tra 6 mesi e 7 anni.
Nessuno di questi studi ha soddisfatto i criteri di inclusione per bambini di età compresa tra 8 e 17 anni.

L’efficacia dei vaccini valutata dagli studi osservazionali è risultata variabile per le stagioni influenzali: 6 ( 35% ) delle 17 analisi in 9 studi hanno mostrato una protezione significativa contro l’influenza attesa in contesti ambulatoriali e ospedalieri.

L’efficacia mediana del vaccino monovalente contro la pandemia da H1N1 in 5 studi osservazionali è stata del 69% ( intervallo 60-93 ).

In conclusione, i vaccini anti-influenzali possono fornire moderata protezione contro l’influenza confermata dal punto di vista virologico, ma tale protezione si riduce ampiamente o risulta assente in alcune stagioni.
Mancano prove della protezione in adulti di età uguale o superiore a 65 anni.
I vaccini anti-influenzali vivi attenuati hanno mostrato in modo consistente la più alta efficacia nei bambini più giovani ( età tra 6 mesi e 7 anni ).
Sono necessari nuovi vaccini con migliore efficacia per ridurre ulteriormente la morbilità e la mortalità correlata all’influenza. ( Xagena2012 )

Osterholm MT et al, Lancet Infect Dis 2012; 12: 36-44

Inf2012 Farma2012


Indietro