Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
Neurologia
Reumatologia
Ematologia.net

M-M-RVaxPro per la vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia


M-M-RVaxPro è indicato per la vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia ( morbillo tedesco ) in soggetti a partire dai 12 mesi di età. Può essere somministrato anche a neonati di nove mesi di età in circostanze speciali.
M-M-RVaxPro contiene i virus vivi attenuati ( indeboliti ) di morbillo, parotite e rosolia.

M-M-RVaxPro è disponibile sotto forma di polvere e solvente da mescolare per ottenere una sospensione iniettabile. Si somministra sotto forma di iniezione intramuscolare o sottocutanea, preferibilmente nella coscia di bambini più piccoli e nella spalla in bambini più grandi e in adulti.

In pazienti affetti da trombocitopenia ( bassa conta di piastrine nel sangue ) o affetti da altri problemi relativi alla coagulazione del sangue, il vaccino deve essere iniettato solo per via sottocutanea per evitare emorragie.

Ai pazienti nei quali non si è riscontrata alcuna risposta alla prima dose, è possibile iniettare una seconda dose dopo un intervallo di almeno quattro settimane.

Ai neonati tra 9 e 12 mesi di età può essere somministrato il vaccino se li si considera particolarmente a rischio, ad esempio in caso di focolaio all’asilo nido oppure se il neonato deve essere condotto in una zona in cui il morbillo è diffuso. In questo caso, il vaccino va ripetuto tra i 12 e i 15 mesi di età. È anche possibile somministrare un’ulteriore vaccinazione contro il morbillo.

I vaccini agiscono insegnando al sistema immunitario a difendersi da una malattia. M-M-RVaxPro contiene piccole quantità di forme attenuate dei virus che provocano morbillo, parotite e rosolia.
Quando una persona viene vaccinata, il sistema immunitario riconosce il virus attenuato come estraneo e produce anticorpi contro quel virus.
In caso di esposizione a uno qualsiasi di questi virus in futuro, il sistema immunitario sarà in grado di produrre gli anticorpi più rapidamente. Ciò contribuirà a proteggere dalle malattie causate da questi virus.

Da alcuni studi è emerso che M-M-RVaxPro è efficace nel favorire la produzione di anticorpi sufficienti a proteggere da morbillo, parotite e rosolia.
In uno studio condotto su 1279 bambini è emerso che M-M-RVaxPro fornisce un livello di risposta immunitaria identico a quello di un vaccino di confronto, con oltre il 98% dei pazienti vaccinati aventi anticorpi sufficienti contro questi tre virus.
Un secondo studio specifico sulla parotite cui hanno partecipato 1997 bambini ha mostrato che M-M-RVaxPro fornisce anticorpi sufficienti contro la parotite, mentre un terzo studio su 776 bambini ha evidenziato che M-M-RVaxPro fornisce risposte immunitarie analoghe, sia esso iniettato per via intramuscolare o per via sottocutanea.
Un quarto studio su 1620 neonati è stato condotto con ProQuad ( un vaccino contenente virus attenuati simili a quelli di M-M-RVaxPro ). Questo studio ha rilevato che, dopo la seconda dose, la produzione di anticorpi contro parotite e rosolia nei neonati che hanno ricevuto la prima dose a 9 mesi di età è comparabile a quella dei neonati vaccinati per la prima volta all’età di 12 mesi. Tuttavia, la risposta immunitaria contro il morbillo risultava minore in quei neonati che hanno ricevuto la prima dose a 9 mesi.

Gli effetti indesiderati più comuni con M-M-RVaxPro ( osservati in più di 1 paziente su 10 ) sono febbre ( 38.5° C o più elevata ) e arrossamento, dolore e tumefazione sull’area dell’iniezione.
Le reazioni sull’area dell’iniezione si sono rivelate meno frequenti quando il vaccino veniva iniettato per via intramuscolare.

M-M-RVaxPro non deve essere usato nelle persone che possono essere ipersensibili ( allergiche ) a qualsiasi vaccino del morbillo, della parotite o della rosolia o a uno qualsiasi degli ingredienti, inclusa la Neomicina, un antibiotico.
M-M-RVaxPro non deve essere somministrato in gravidanza o durante malattie con stati febbrili ( superiori a 38.5° C ) o nel caso di tubercolosi attiva non trattata.
Inoltre, non deve essere somministrato a pazienti con determinate malattie del sangue o malattie immuni.

Il Comitato scientifico ( CHMP ) dell'EMA ( European Medicines Agency ) ha deciso che i benefici di M-M-RVaxPro sono superiori ai rischi.

La Società che produce M-M-RVaxPro continuerà a monitorare gli effetti indesiderati per capire se l’impiego dell’albumina ricombinante nel processo di produzione di M-M-RVaxPro causi effetti indesiderati come le reazioni allergiche. ( Xagena2017 )

Fonte: EMA, 2017

Inf2017 Pedia2017 Farma2017


Indietro