OncologiaMedica.net
Reumatologia
Cardiologia.net

Sicurezza e immunogenicità di un nuovo vaccino multivalente OspA contro la borreliosi di Lyme in adulti sani


La borreliosi di Lyme è causata da Borrelia burgdorferi sensu stricto negli Stati Uniti e da diverse specie di Borrelia in Europa e Asia, ma non è disponibile alcun vaccino umano.

È stato condotto uno studio per valutare sicurezza e immunogenicità dei vaccini con e senza adiuvante contenenti epitopi protettivi da sierotipi di proteina A della superficie esterna ( OspA ) da specie di Borrelia in adulti sani.

Nel periodo 2011-2012, è stato condotto uno studio in doppio cieco, randomizzato, di incremento graduale della dose e di fase 1/2 in 4 Centri in Austria e Germania.

Adulti sani di età compresa tra 18 e 70 anni sieronegativi per Borrelia burgdorferi sensu lato sono risultati idonei all’inclusione nello studio.

I partecipanti sono stati reclutati in modo sequenziale e assegnati in maniera casuale a 1 di 6 gruppi di studio in ugual rapporto.

Partecipanti e ricercatori non erano a conoscenza del gruppo di trattamento assegnato.

I partecipanti hanno ricevuto 3 vaccinazioni contenenti 30 mcg, 60 mcg o 90 mcg di antigene OspA con o senza un adiuvante, ad intervalli di 28 giorni e con richiamo 9-12 mesi dopo la prima immunizzazione.

Gli endpoint co-primari erano la frequenza e la gravità delle reazioni al sito di iniezione e reazioni sistemiche entro 7 giorni da ciascuna vaccinazione e le risposte anticorpali ai sierotipi OspA 1-6, in base a quanto stabilito con test ELISA.

Sono stati assegnati in maniera casuale ai gruppi di studio 300 partecipanti: 151 a vaccini con adiuvante ( dosi da 50 a 30 mcg, da 51 a 60 mcg e da 50 a 90 mcg ) e 149 a vaccini senza adiuvante ( dosi da 50 a 30 mcg, da 49 a 60 mcg e da 50 a 90 mcg ).

Le reazioni avverse sono risultate soprattutto lievi e non sono stati riportati eventi avversi gravi correlati al vaccino.

Il rischio di reazioni sistemiche ( risk ratio, RR=0.54; p inferiore a 0.0001 ) e di reazioni sistemiche moderate o gravi ( RR=0.35; p=0.034 ) è risultato significativamente più basso per le formulazioni con adiuvante che per quelle senza.

La formulazione 30 mcg con adiuvante ha mostrato il miglior profilo di tollerabilità; solo cefalea ( 5 [ 10%] su 50 ), dolore al sito di iniezione ( 16 [ 32%] ) e indolenzimento ( 17 [ 34% ] ) hanno interessato più del 6% dei pazienti.

Tutte le dosi e le formulazioni hanno indotto sostanziali titoli anticorpali medi di IgG contro sierotipi 1-6 di OspA dopo le prime 3 vaccinazioni ( intervallo 6944-17 321 ) e le immunizzazioni di richiamo ( 19 056-32 824 ).

La formulazione 30 mcg con adiuvante ha indotto il più alto titolo anticorpale dopo il richiamo: intervallo da 26 143 a 42 381.

In conclusione, il nuovo vaccino multivalente OspA potrebbe rappresentare un intervento efficace per la prevenzione della borreliosi di Lyme in Europa e Stati Uniti, e probabilmente in tutto il mondo.
Sono necessari studi confirmatori più ampi sulle formulazioni che includano individui sieropositivi per Borrelia burgdorferi sensu lato prima di poter dare il via a studi di efficacia di fase 3, controllati con placebo. ( Xagena2013 )

Wressnigg N et al, Lancet Infect Dis 2013; 13: 680-689

Inf2013 Med2013 Farma2013


Indietro