Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Gastrobase.it

Associazione tra disfunzione immunitaria e infezione per COVID-19 dopo la vaccinazione SARS-CoV-2


Le persone con disfunzione immunitaria hanno un rischio maggiore di esiti gravi di COVID-19. Tuttavia, questi pazienti sono stati in gran parte esclusi dagli studi clinici sul vaccino SARS-CoV-2, creando un ampia mancanza di prove.

Sono stati identificati il tasso di incidenza e il rate ratio di incidenza ( IRR ) per l'infezione da COVID-19 dopo la vaccinazione contro il virus SARS-CoV-2 tra le persone con o senza disfunzione immunitaria.

Questo studio di coorte retrospettivo ha analizzato i dati della National COVID Cohort Collaborative ( N3C ), una partnership che ha sviluppato un archivio sicuro e centralizzato basato su cartelle cliniche elettroniche di dati clinici di COVID-19 provenienti da Centri medici accademici negli Stati Uniti.
Sono state incluse nel campione le persone che hanno ricevuto almeno 1 dose di vaccino per SARS-CoV-2 tra il 10 dicembre 2020 e il 16 settembre 2021.

Vaccinazione, diagnosi di COVID-19, diagnosi di disfunzione immunitaria ( infezione da HIV, sclerosi multipla, artrite reumatoide, trapianto di organi solidi e trapianto di midollo osseo ), altre condizioni di comorbilità e dati demografici sono stati consultati tramite N3C Data Enclave.

L'infezione dopo la vaccinazione è stata definita come un'infezione da COVID-19 che è stata contratta durante o dopo il 14° giorno di vaccinazione e il rischio dopo la vaccinazione completa o parziale è stato valutato per i pazienti con o senza disfunzione immunitaria.

Sono stati inclusi in totale 664.722 pazienti nel campione N3C. Questi pazienti avevano un'età mediana di 51 anni ed erano prevalentemente donne ( n=378.307, 56.9% ).

Complessivamente, il tasso di incidenza per l'infezione da COVID-19 è stato di 5.0 per 1.000 mesi-persona tra le persone completamente vaccinate, ma è stato più alto dopo che la variante Delta è diventata il ceppo SARS-CoV-2 dominante ( tasso di incidenza prima rispetto a dopo il 20 giugno 2021, 2.2 versus 7.3 per 1.000 mesi-persona ).

Rispetto alla vaccinazione parziale, la vaccinazione completa è stata associata a un rischio ridotto del 28% di infezione dopo la vaccinazione ( IRR aggiustato [ AIRR ], 0.72 ). Le persone con un'infezione dopo la vaccinazione completa hanno avuto maggiori probabilità di essere più anziane e donne.

Persone con infezione da HIV ( AIRR, 1.33 ), artrite reumatoide ( AIRR, 1.20 ) e trapianto di organi solidi ( AIRR, 2.16 ) hanno presentato un tasso più elevato di infezione dopo la vaccinazione.

Questo studio di coorte ha rilevato che la vaccinazione completa è stata associata a un rischio ridotto di infezione da virus SARS-CoV-2, indipendentemente dallo stato immunitario dei pazienti.

Nonostante la vaccinazione completa, le persone con disfunzione immunitaria hanno avuto un rischio sostanzialmente più elevato di infezione da SARS-CoV-2 rispetto a quelle senza tale condizione.

Per le persone con disfunzione immunitaria, viene raccomandato l'uso continuato di interventi non-farmaceutici come indossare la mascherina e strategie vaccinali alternative come dosi aggiuntive o test di immunogenicità anche dopo la vaccinazione completa. ( Xagena2022 )

Sun J et al, JAMA Intern Med 2022; 182: 153-162

Inf2022 Med2022 Vac2022 Farma2022



Indietro