Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Associazione tra la vaccinazione a mRNA e l'ospedalizzazione e la gravità della malattia per COVID-19


Una comprensione completa dei benefici della vaccinazione per COVID-19 richiede la considerazione dell'attenuazione della malattia, determinata in base al fatto che le persone che sviluppano COVID-19 nonostante la vaccinazione abbiano una gravità della malattia inferiore rispetto alle persone non-vaccinate.

È stata valutata l'associazione tra la vaccinazione con vaccini COVID-19 a RNA messaggero ( mRNA ), cioè mRNA-1273 ( Moderna ) e BNT162b2 ( Pfizer-BioNTech ), e il ricovero per COVID-19 e, tra i pazienti ricoverati con COVID-19, l'associazione con la progressione verso la malattia critica.

È stata condotta una analisi caso-controllo in 21 siti statunitensi di 4.513 adulti ricoverati tra l'11 marzo e il 15 agosto 2021, con dati sugli esiti a 28 giorni su morte e ventilazione meccanica disponibili per i pazienti arruolati fino al 14 luglio 2021.
La data del follow-up finale è stata l'8 agosto 2021.

Le associazioni sono state valutate tra la vaccinazione precedente e il ricovero per COVID-19, nel qual caso i pazienti erano quelli ricoverati per COVID-19 e i pazienti di controllo erano quelli ricoverati per una diagnosi alternativa; e progressione della malattia tra i pazienti ospedalizzati per COVID-19, in cui casi e controlli erano pazienti COVID-19 con e senza progressione verso la morte o la ventilazione meccanica, rispettivamente.

Tra i 4.513 pazienti ( età media, 59 anni; 2.202, 48.8%, donne; 23.0% individui di razza nera non-ispanici, 15.9% individui ispanici e 20.1% con una condizione immunocompromessa ), 1.983 erano casi di pazienti con COVID-19 e 2.530 erano controlli senza COVID-19.

I pazienti non-vaccinati hanno rappresentato l'84.2% ( 1.669/1.983 ) dei ricoveri per COVID-19.

Il ricovero per COVID-19 è risultato significativamente associato a una ridotta probabilità di vaccinazione ( casi, 15.8%; controlli, 54.8%; odds ratio aggiustato, aOR=0.15 ), includendo le varianti sequenziate SARS-CoV-2 alfa ( 8.7% vs 51.7%; aOR=0.10 ) e delta ( 21.9% vs 61.8%; aOR=0.14 ).

Questa associazione è stata più forte per i pazienti immunocompetenti ( 11.2% vs 53.5%; aOR=0.10 ) rispetto ai pazienti immunocompromessi ( 40.1% vs 58.8%; aOR=0.49; P minore di 0.001 ) e più debole a più di 120 giorni dalla vaccinazione con BNT162b2 ( 5.8% vs 11.5%; aOR=0.36 ) rispetto a mRNA-1273 ( 1.9% vs 8.3%; aOR=0.15 ) ( P minore di 0.001 ).

Tra i 1.197 pazienti ospedalizzati con COVID-19, la morte o la ventilazione meccanica invasiva entro il giorno 28 è stata associata a una ridotta probabilità di vaccinazione ( 12.0% vs 24.7%; aOR=0.33 ).

La vaccinazione con un vaccino COVID-19 a mRNA è stata significativamente meno probabile tra i pazienti con ricovero in ospedale per COVID-19 e progressione della malattia fino alla morte o alla ventilazione meccanica.
Questi risultati sono coerenti con la riduzione del rischio tra le infezioni di vaccinati rispetto all'assenza di vaccinazione. ( Xagena2021 )

Tenforde MW et al, JAMA 2021; 326: 2043-2054

Inf2021 Vac2021 Med2021 Farma2021


Indietro