Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Effetto del Metotrexato e dell'immunosoppressione mirata sulle risposte immunitarie umorali e cellulari al vaccino COVID-19 Comirnaty


I pazienti in terapia con immunosoppressori per malattie infiammatorie immuno-mediate sono stati esclusi dagli studi sui vaccini COVID-19.
Sono state valutate le risposte immunitarie umorali e cellulari al vaccino COVID-19 Comirnaty ( BNT162b2; Pfizer-BioNTech ) nei pazienti trattati con Metotrexato e con terapie biologiche mirate di uso comune, rispetto ai controlli sani.
Dato il lancio di programmi di vaccinazione ad intervallo esteso per massimizzare la copertura della popolazione, sono stati presentati i risultati dopo la prima dose.

In uno studio di coorte, sono stati reclutati pazienti consecutivi con diagnosi di psoriasi confermata dal dermatologo che stavano ricevendo Metotrexato o monoterapia biologica mirata ( inibitori del fattore di necrosi tumorale [ TNF ], inibitori dell'interleuchina 17 [ IL-17 ] o inibitori dell'interleuchina 23 [ IL-23 ] ) da un Centro specializzato in psoriasi che serve Londra e il sud-est dell'Inghilterra.

I volontari consecutivi senza psoriasi e non-sottoposti a immunosoppressione sistemica che si sono presentati per la vaccinazione al Guy's e St Thomas' NHS Foundation Trust ( Londra, Regno Unito ) sono stati inclusi come coorte di controllo sano.
Tutti i partecipanti dovevano essere idonei a ricevere il vaccino Comirnaty.
L'immunogenicità è stata valutata immediatamente prima e il giorno 28 dopo la vaccinazione.

Gli esiti primari erano l'immunità umorale alla glicoproteina spike SARS-CoV-2, definita come risposta anticorpale neutralizzante a SARS-CoV-2 wild-type e risposte delle cellule T spike-specifiche ( inclusi interferone-gamma [ IFN-gamma ], IL-2 e IL-21 ) 28 giorni dopo la vaccinazione.

Tra il 14 gennaio e il 4 aprile 2021 sono stati inclusi 84 pazienti con psoriasi ( 17 con Metotrexato, 27 con inibitori del TNF, 15 con inibitori di IL-17 e 25 con inibitori di IL-23 ) e 17 controlli sani.
La popolazione dello studio aveva un'età media di 43 anni, con 56 ( 55% ) maschi, 45 ( 45% ) femmine e 85 ( 84% ) partecipanti bianchi.

I tassi di sieroconversione sono stati inferiori nei pazienti trattati con immunosoppressori ( 60 su 77, 78% ) rispetto ai controlli ( 17 su 17, 100% ), con il tasso più basso in quelli trattati con Metotrexato ( 7 su 15, 47% ).

L'attività neutralizzante contro SARS-CoV-2 wild-type è risultati significativamente inferiore nei pazienti che ricevevano Metotrexato ( diluizione inibente del 50% mediana 129 ) rispetto ai controlli ( 317, P=0.0032 ), ma è stata preservata in coloro che ricevevano farmaci biologici mirati ( 269 ).

I titoli neutralizzanti contro la variante B.1.1.7 sono stati similmente bassi in tutti i partecipanti.

Le risposte immunitarie cellulari sono state indotte in tutti i gruppi e non sono state attenuate nei pazienti che ricevevano Metotrexato o farmaci biologici mirati rispetto ai controlli.

L'immunità umorale funzionale a una singola dose di Comirnaty è compromessa dal Metotrexato ma non dai farmaci biologici mirati, mentre le risposte cellulari sono preservate.

La sola sieroconversione potrebbe non riflettere adeguatamente l'immunogenicità del vaccino in individui con malattie infiammatorie immuno-mediate che ricevono immunosoppressione terapeutica.
Gli studi di farmacovigilanza nel mondo reale determineranno come questi risultati riflettano l'efficacia clinica. ( Xagena2021 )

Mahil SK et al, Lancet Rheumatology 2021; 3: 627-637

Reuma2021 Vac2021 Med2021 Farma2021


Indietro