Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Pneumobase.it

Efficacia di una dose di richiamo del vaccino bivalente a mRNA per prevenire esiti gravi di COVID-19


Alla fine del 2022, la sottovariante BA.5 di Omicron SARS-CoV-2 ( B.1.1.529 ) rappresentava la maggior parte dei genomi virali sequenziati in tutto il mondo.
I vaccini bivalenti a mRNA ( RNA messaggero ) contengono una componente del ceppo ancestrale del virus SARS-CoV-2 più una componente aggiornata delle sottovarianti Omicron BA.4 e BA.5.

Da settembre 2022, è stata raccomandata una singola dose di richiamo del vaccino bivalente a mRNA per gli adulti che hanno completato una serie di vaccinazioni primarie contro SARS-CoV-2 e sono ad alto rischio di forma grave di COVID-19.
L’obiettivo era valutare l’efficacia di una dose di richiamo del vaccino bivalente a mRNA per ridurre i ricoveri e i decessi dovuti a COVID-19.

È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo, basato sulla popolazione in Israele, utilizzando i dati delle cartelle cliniche elettroniche del Clalit Health Services ( CHS ).

Sono stati inclusi tutti i membri del CHS di età pari o superiore a 65 anni e idonei a una vaccinazione di richiamo con vaccino bivalente a mRNA anti-SARS-CoV-2.
Sono stati utilizzati i Registri ospedalieri per identificare i ricoveri e i decessi correlati a COVID-19.

L’endpoint primario era il ricovero ospedaliero dovuto a COVID-19, che è stato confrontato tra i partecipanti che avevano ricevuto una vaccinazione di richiamo con vaccino bivalente a mRNA e quelli che non l’avevano ricevuta.

Nel periodo 2022-2023 sono stati identificati 569.519 partecipanti idonei. Di questi, 134.215 ( 24% ) hanno ricevuto una vaccinazione di richiamo con vaccino bivalente a mRNA durante il periodo di studio.

Il ricovero ospedaliero dovuto a COVID-19 si è verificato in 32 partecipanti che hanno ricevuto una vaccinazione di richiamo con vaccino bivalente a mRNA, e 541 che non hanno ricevuto una vaccinazione di richiamo bivalente ( hazard ratio aggiustato, aHR=0.28 ).

La riduzione del rischio assoluto di ricoveri dovuti a COVID-19 nei soggetti che hanno ricevuto il richiamo con vaccino bivalente a mRNA rispetto ai non-destinatari è stata dello 0.089% e il numero necessario da vaccinare per prevenire un ricovero dovuto a COVID-19 ha riguardato 1.118 persone.

I partecipanti che hanno ricevuto una dose di richiamo con vaccino bivalente a mRNA hanno presentato tassi di ospedalizzazione dovuti a COVID-19 inferiori rispetto ai partecipanti che non hanno ricevuto una vaccinazione di richiamo con vaccino bivalente fino a 120 giorni dopo la vaccinazione.

Questi risultati hanno evidenziato l’importanza della vaccinazione di richiamo con vaccini bivalenti a mRNA nelle popolazioni ad alto rischio di forma grave di COVID-19. Sono necessari ulteriori studi con tempi di osservazione più lunghi. ( Xagena2023 )

Arbel R et al, Lancet Infectious Diseases 2023; 23: 914-921

Inf2023 Vac2023 Med2023 Farma2023



Indietro