Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Immunogenicità dei vaccini a mRNA per COVID-19 nelle donne in gravidanza e in allattamento


Le donne in gravidanza sono a maggior rischio di morbilità e mortalità da COVID-19, ma sono state escluse dagli studi di fase 3 sul vaccino COVID-19.
I dati sulla sicurezza e l'immunogenicità dei vaccini in queste popolazioni sono quindi limitati.

È stata valutata l'immunogenicità dei vaccini COVID-19 a RNA messaggero ( mRNA ) nelle donne in gravidanza e in allattamento, anche contro le varianti emergenti preoccupanti di SARS-CoV-2.

Uno studio di coorte esplorativo, descrittivo e prospettico ha arruolato 103 donne che hanno ricevuto un vaccino COVID-19 da dicembre 2020 a marzo 2021, e 28 donne che avevano confermato l'infezione da SARS-CoV-2 da aprile 2020 a marzo 2021 ( ultima data di follow-up 26 marzo 2021 ).

Questo studio ha arruolato 30 donne in gravidanza, 16 in allattamento e 57 né in gravidanza né in allattamento che hanno ricevuto i vaccini COVID-19 mRNA-1273 ( Moderna ) o BNT162b2 ( Pfizer-BioNTech) e 22 donne in gravidanza e 6 non-in-gravidanza non-vaccinate con infezione da SARS-CoV- 2.

Le risposte anticorpali non-neutralizzanti funzionali e non-neutralizzanti del recettore SARS-CoV-2 sono state valutate dopo la vaccinazione.
Le risposte delle cellule T specifiche per il picco sono state valutate utilizzando la tecnica ELISPOT ( Enzyme-Linked immunoSPOT ) e test multiparametrici di colorazione delle citochine intracellulari.
Le risposte immunitarie umorali e cellulari sono state determinate contro il ceppo SARS-CoV-2 USA-WA1/2020 originale e contro le varianti B.1.1.7 e B.1.351.

Questo studio ha arruolato 103 donne di età compresa tra 18 e 45 anni ( 66% bianche non-ispaniche ) che hanno ricevuto un vaccino COVID-19 mRNA.
Dopo la seconda dose di vaccino, è stata riportata febbre in 4 donne in gravidanza ( 14% ), 7 donne in allattamento ( 44% ) e 27 donne non-in-gravidanza ( 52% ).

Le risposte anticorpali leganti, neutralizzanti e non-neutralizzanti funzionali, nonché le risposte delle cellule T CD4 e CD8 erano presenti in donne in gravidanza, in allattamento e non-gravide dopo la vaccinazione.
Anticorpi leganti e neutralizzanti sono stati osservati anche nel sangue del cordone ombelicale e nel latte materno.

I titoli anticorpali leganti e neutralizzanti contro le varianti SARS-CoV-2 B.1.1.7 e B.1.351 sono stati ridotti, ma le risposte delle cellule T sono state preservate contro le varianti virali.

In questa analisi esplorativa, la ricezione di un vaccino COVID-19 mRNA è risultata immunogenica nelle donne in gravidanza e gli anticorpi suscitati dal vaccino sono stati trasportati nel sangue cordonale e nel latte materno del neonato.
Le donne incinte e non-gravide che sono state vaccinate hanno sviluppato risposte anticorpali cross-reattive e risposte dei linfociti T contro le varianti VOC di SARS-CoV-2. ( Xagena2021 )

Collier AY et al, JAMA 2021; 325: 2370-2380

Inf2021 Gyne2021 Vac2021 Med2021 Farma2021


Indietro