Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Immunogenicità e sicurezza di due dosi del vaccino anti-SARS-CoV-2 CoronaVac nei pazienti sieropositivi e sieronegativi a SARS-CoV-2 con malattie reumatiche autoimmuni


È stato esaminato il pattern di immunogenicità indotto dal vaccino inattivato contro SARS-CoV-2 CoronaVac ( Sinovac ) nei pazienti sieropositivi a SARS-CoV-2 con malattie reumatiche autoimmuni rispetto a controlli sieropositivi, pazienti sieronegativi con malattie reumatiche autoimmuni e controlli sieronegativi.

CoronavRheum è uno studio di fase 4, in corso, prospettico e controllato, in cui i pazienti di età pari o superiore a 18 anni con malattie reumatiche autoimmuni e controlli sani sono stati reclutati da un unico sito ( Rheumatology Division of Hospital das Clínicas, Faculdade de Medicina da Universidade de São Paulo ) a San Paolo, Brasile.

I partecipanti sono stati vaccinati con due dosi di CoronaVac ( iniezione intramuscolare, 3 microg in 0.5 ml di SARS-CoV-2 inattivato con beta-Propiolattone ) il giorno 0 e il giorno 28.
I campioni di sangue sono stati prelevati prima della vaccinazione il giorno 0, il giorno 28 e il giorno 69.
Per l’analisi di sottogruppo, i partecipanti sono stati definiti, prevaccinazione, sieropositivi o sieronegativi per SARS-CoV-2 tramite IgG anti-SARS-CoV-2 spike S1 o S2 ( cutoff di 15.0 unità arbitrarie [ AU ] per ml ) o titoli anticorpali neutralizzanti ( cutoff superiore o uguale al 30% ), e sono stati abbinati per età e sesso, tramite campionamento di convenienza ( pazienti sieropositivi a pazienti sieronegativi, controlli sieropositivi a controlli sieronegativi ).

Gli esiti primari erano i tassi di sieropositività IgG anti-SARS-CoV-2 S1 e S2 e positività di anticorpi neutralizzanti SARS-CoV-2 al giorno 28 e al giorno 69 e la dinamica dell'immunogenicità valutata dai titoli medi geometrici ( GMT ) di IgG e attività neutralizzante mediana in pazienti sieropositivi con malattie reumatiche autoimmuni rispetto a pazienti sieronegativi e controlli sieropositivi e sieronegativi.

È stata valutata la sicurezza in tutti i partecipanti selezionati casualmente per questa analisi di sottogruppo.

Tra il 4 febbraio e l'8 febbraio 2021 sono stati reclutati 1.418 pazienti e 542 controlli, di cui 1.685 hanno ricevuto 2 vaccinazioni ( 1.193 pazienti e 492 controlli ).
Dopo il campionamento casuale, la popolazione di analisi di immunogenicità ha compreso 942 partecipanti, di cui 157 erano pazienti sieropositivi per SARS-CoV-2 con malattie reumatiche autoimmuni, 157 erano controlli sieropositivi, 471 erano pazienti sieronegativi e 157 erano controlli sieronegativi; l'età mediana era di 48 anni e 594 ( 63% ) erano femmine e 348 ( 37% ) erano maschi.

Per i pazienti sieropositivi e i controlli, un aumento dei titoli IgG anti-SARS-CoV-2 subunità S1 e subunità S2 ( pazienti sieropositivi GMT 52.3 al giorno 0 vs 128.9 al giorno 28; controlli sieropositivi 53.3 al giorno 0 vs 202.0 al giorno 28 ) e dell'attività anticorpale neutralizzante ( pazienti sieropositivi 59% al giorno 0 vs 82% al giorno 28; controlli sieropositivi 58% al giorno 0 vs 92% al giorno 28 ) è stata osservata dal giorno 0 al giorno 28, senza ulteriori aumenti dal giorno 28 al giorno 69 ( al giorno 69 i GMT dei pazienti sieropositivi erano 137.1 e l'attività anticorpale neutralizzante era del 79%; e i GMT dei controlli sieropositivi erano 188.6 e l'attività anticorpale neutralizzante era del 92% ).

Per contro, per i pazienti sieronegativi e i controlli, è stata necessaria la seconda dose per la massima risposta al giorno 69, che è stata inferiore nei pazienti sieronegativi rispetto ai controlli sieronegativi.

I titoli medi geometrici nei pazienti sieronegativi sono stati 2.3 al giorno 0, 5.7 al giorno 28 e 29.6 al giorno 69, e nei controlli sieronegativi sono stati 2.3 al giorno 0, 10.6 al giorno 28 e 71.7 al giorno 69; l'attività anticorpale neutralizzante nei pazienti sieronegativi è stata del 15% al giorno 0, 15% al giorno 28 e 39% al giorno 69 e nei controlli sieronegativi è stata del 15% al giorno 0, 24% al giorno 28, e 61% al giorno 69.
Né i pazienti sieronegativi né i controlli sieronegativi hanno raggiunto titoli medi geometrici o livelli di attività anticorpale dei pazienti sieropositivi al giorno 69.

Al contrario dei pazienti sieronegativi con malattie reumatiche autoimmuni, i pazienti sieropositivi hanno presentato una risposta robusta dopo una singola dose di CoronaVac.
I risultati hanno indicato la possibilità che l'immunogenicità ridotta osservata nei pazienti sieronegativi potrebbe non essere il potenziale di risposta ottimale alla vaccinazione SARS-CoV-2, e quindi hanno sottolineato l'importanza di almeno una singola vaccinazione di richiamo in questi pazienti. ( Xagena2022 )

Aikawa NE et al, Lancet Rheumatology 2022; 4: 113-124

Reuma2022 Vac2022 Med2022 Farma2022


Indietro