Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

JCVI: consigli sulla vaccinazione COVID-19 dei bambini dai 12 ai 15 anni


Il Comitato JCVI ( Joint Committee on Vaccination and Immunisation ) ha esaminato le evidenze sulla vaccinazione dei bambini di età compresa tra 12 e 15 anni che non hanno condizioni di salute di base tali da metterli a maggior rischio di forma grave di COVID-19.

La valutazione del Comitato JCVI è che i benefici per la salute derivanti dalla vaccinazione sono marginalmente maggiori dei potenziali danni noti.
Tuttavia, in questo momento il margine di beneficio è considerato troppo piccolo per supportare la vaccinazione universale di giovani sani di età compresa tra 12 e 15 anni.

Non è compito del Comitato JCVI considerare i più ampi impatti sociali della vaccinazione, compresi i benefici educativi.
Il Governo potrebbe voler cercare ulteriori opinioni sui più ampi impatti sociali ed educativi dai Chief Medical Officer delle quattro nazioni del Regno Unito.

Per la stragrande maggioranza dei bambini, l'infezione da SARS-CoV-2 è asintomatica o lievemente sintomatica e si risolverà senza trattamento.
Dei pochissimi bambini di età compresa tra 12 e 15 anni che necessitano di ricovero, la maggior parte presenta condizioni di salute pregresse.
Il Comitato ha raccomandato l'ampliamento dell'elenco delle condizioni a cui si applica l'offerta per i giovani a rischio dai 12 ai 15 anni.

Esistono evidenze di una associazione tra vaccini COVID-19 a RNA messaggero ( mRNA ) e la miocardite.
Questo è un evento avverso estremamente raro. Gli effetti a medio e lungo termine sono sconosciuti ed è in corso un follow-up a lungo termine.

Dato il rischio molto basso di una grave malattia da COVID-19 in soggetti di età compresa tra 12 e 15 anni altrimenti sani, le considerazioni sui potenziali danni e benefici della vaccinazione sono molto ben bilanciati ed è stato concordato un approccio precauzionale.

Secondo il Comitato JCVI:

a) Ai bambini di età compresa tra 12 e 15 anni con condizioni di salute pregresse che sono soggetti a rischio più elevato di grave forma di COVID-19 dovrebbe essere offerta la vaccinazione COVID-19. E' stata recentemente ampliata la gamma di condizioni di salute di base per la vaccinazione.

b) Per i bambini di età compresa tra 12 e 15 anni altrimenti sani, il rischio di una grave malattia COVID-19 è basso e quindi anche il potenziale beneficio della vaccinazione COVID-19 è basso. L'opinione del JCVI è che, nel complesso, i benefici per la salute della vaccinazione COVID-19 per i bambini sani di età compresa tra 12 e 15 anni sono marginalmente maggiori dei potenziali danni.

c) Adottando un approccio precauzionale, questo margine di beneficio è considerato troppo piccolo per supportare la vaccinazione universale COVID-19 per questa fascia di età in questo momento. Il Comitato continuerà a rivedere i dati sulla sicurezza man mano che emergeranno.

d) Al momento di decidere sulle vaccinazioni infantili, il Comitato JCVI ha sempre sostenuto che l'obiettivo principale dovrebbe essere rappresentato dai benefici per i bambini stessi, contro ogni potenziale danno per loro derivante dalla vaccinazione.

e) Man mano che si accumulano dati a lungo termine sulle potenziali reazioni avverse, una maggiore certezza può consentire una riconsiderazione dei benefici e dei danni. Questi dati potrebbero non essere disponibili per diversi mesi.

f) In precedenza, il Comitato JCVI aveva consigliato di offrire la vaccinazione contro il COVID-19 ai bambini con neurodisabilità gravi, sindrome di Down, immunosoppressione, difficoltà di apprendimento profonde e multiple e disabilità di apprendimento gravi o che si trovano nel registro delle disabilità di apprendimento.

g) A seguito della considerazione dei dati aggiornati sui ricoveri ospedalieri e sui decessi, il Comitato JCVI consiglia di ampliare questa offerta per includere i bambini di età compresa tra 12 e 15 anni con: neoplasie ematologiche, anemia falciforme, diabete di tipo 1, cardiopatia congenita e altre patologie. Ai bambini con asma scarsamente controllato e condizioni meno comuni, spesso dovute a difetti congeniti o metabolici in cui le infezioni respiratorie possono provocare malattie gravi, dovrebbe essere offerta anche la vaccinazione COVID-19.

Bambini di età compresa tra 12 e 15 anni: gruppi a rischio clinico COVID-19

Malattia respiratoria cronica - Compresi quelli con asma scarsamente controllato che richiede l'uso continuo o ripetuto di steroidi sistemici o con precedenti esacerbazioni che richiedono il ricovero ospedaliero, fibrosi cistica, discinesie ciliari e displasia broncopolmonare;

Cardiopatie croniche - Cardiopatie congenite e acquisite emodinamicamente significative o cardiopatie più lievi con altre comorbidità;

Condizioni croniche del rene, del fegato o dell'apparato digerente - Comprese quelle associate a malformazioni congenite degli organi, disordini metabolici e neoplasie e condizioni come un grave reflusso gastro-esofageo che può predisporre all'infezione respiratoria.

Malattia neurologica cronica - Ciò include quelli con: neuro-disabilità e/o malattie neuromuscolari tra cui paralisi cerebrale, autismo, epilessia e distrofia muscolare; malattie ereditarie e degenerative del sistema nervoso o dei muscoli. o altre condizioni associate all'ipoventilazione; disturbi dell'apprendimento gravi o profondi e multipli ( PMLD ), sindrome di Down, quelli iscritti nel registro dei disturbi dell'apprendimento, neoplasie cerebrali;

Disturbi endocrini - Compresi diabete mellito, sindrome di Addison e ipopituitaria;

Immunosoppressione - Immunosoppressione dovuta a malattia o trattamento, inclusi: coloro che sono sottoposti a chemioterapia o radioterapia, coloro che ricevono trapianto di organi solidi, coloro che ricevono trapianto di midollo osseo o di cellule staminali; malattie genetiche che colpiscono il sistema immunitario ( ad esempio carenza di IRAK-4 o NEMO, disturbo del complemento, SCID [ immunodeficienza combinata grave ] ); quelli con neoplasie ematologiche, comprese leucemia e linfoma; coloro che ricevono terapia biologica immunosoppressiva o immunomodulante; quelli trattati con o che potrebbero essere trattati con corticosteroidi a dose elevata o moderata; coloro che ricevono qualsiasi dose di farmaci immunomodulatori orali non-biologici, ad esempio Metotrexato, Azatioprina, 6-Mercaptopurina o Micofenolato; quelli con malattie autoimmuni che possono richiedere trattamenti immunosoppressivi a lungo termine;

Asplenia o disfunzione della milza - Comprese sferocitosi ereditaria, anemia falciforme omozigote e talassemia major;

Gravi anomalie genetiche che colpiscono un certo numero di sistemi - Comprese la malattia mitocondriale e le anomalie cromosomiche. ( Xagena2021 )

Fonte: JCVI ( Joint Committee on Vaccination and Immunisation ) Regno Unito, 2021

Inf2021 Pedia2021 Vac2021 Farma2021


Indietro