Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Miocardite clinicamente sospetta correlata temporalmente alla vaccinazione contro COVID-19 negli adolescenti e nei giovani adulti


La comprensione del decorso clinico e degli esiti a breve termine della sospetta miocardite dopo la vaccinazione anti-SARS-CoV-2 ha importanti implicazioni per la salute pubblica nella decisione di vaccinare i giovani.

Sono stati raccolti retrospettivamente dati su pazienti di età inferiore a 21 anni che si sono presentati prima del 4 luglio 2021 con sospetta miocardite entro 30 giorni dalla vaccinazione per COVID-19.
I criteri di Lake Louise sono stati utilizzati per i risultati della risonanza magnetica cardiaca. I casi di miocardite sono stati classificati come confermati o probabili sulla base delle definizioni del CDC ( Centers for Disease Control and Prevention ).

Sono stati riportati i dati di 139 adolescenti e giovani adulti con 140 episodi di sospetta miocardite ( 49 confermata, 91 probabile ) in 26 centri.
La maggior parte dei pazienti erano maschi ( n=126, 90.6% ) e bianchi ( n=92, 66.2% ); 29 ( 20.9% ) erano ispanici; e l'età mediana era di 15.8 anni.

La sospetta miocardite si è verificata in 136 pazienti ( 97.8% ) dopo il vaccino a RNA messaggero ( mRNA ), con 131 ( 94.2% ) dopo il vaccino Pfizer-BioNTech; 128 ( 91.4% ) si sono verificati dopo la seconda dose.
I sintomi sono iniziati una mediana di 2 giorni dopo la vaccinazione.
Il sintomo più comune era il dolore toracico ( 99.3% ).

I pazienti sono stati trattati con farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) ( 81.3% ), immunoglobuline per via endovenosa ( 21.6% ), glucocorticoidi ( 21.6% ), Colchicina ( 7.9% ) o nessuna terapia antinfiammatoria ( 8.6% ).
26 pazienti ( 18.7% ) erano in terapia intensiva, 2 sono stati trattati con supporto inotropo / vasoattivo e nessuno ha richiesto l'ossigenazione extracorporea a membrana o è morto.

La degenza ospedaliera mediana è stata di 2 giorni. Tutti i pazienti avevano troponina I elevata ( n=111, 8.12 ng/ml ) o T ( n=28, 0.61 ng/ml ); il 69.8% presentava ECG anormali e aritmie ( 7 con tachicardia ventricolare non-sostenuta ); e il 18.7% aveva una frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) inferiore al 55% all'ecocardiogramma.

Dei 97 pazienti sottoposti a risonanza magnetica cardiaca a una mediana di 5 giorni dall'esordio dei sintomi, 75 ( 77.3% ) presentavano reperti anormali: 74 ( 76.3% ) avevano captazione tardiva del Gadolinio, 54 ( 55.7% ) presentavano edema miocardico e 49 ( 50.5% ) soddisfacevano i criteri di Lake Louise.
Tra i 26 pazienti con FEVS inferiore al 55% all'ecocardiogramma, tutti al follow-up hanno mostrato una funzione normalizzata ( n=25 ).

La maggior parte dei casi di sospetta miocardite da vaccino COVID-19 che si è verificata in persone di età minore di 21 anni ha avuto un decorso clinico lieve con rapida risoluzione dei sintomi.
Reperti anormali alla risonanza magnetica cardiaca sono stati frequenti.
Studi futuri dovrebbero valutare i fattori di rischio, i meccanismi e gli esiti a lungo termine. ( Xagena2022 )

Peltenburg PJ et al, Circulation 2022; 145: 345-356

Cardio2022 Vac2022 Med2022 Farma2022


Indietro