Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Reazioni di ipersensibilità localizzata ritardate al vaccino Moderna COVID-19


In risposta alla pandemia di coronavirus del 2019 ( COVID-19 ), due vaccini a mRNA [ RNA messaggero ] ( Pfizer-BioNTech e Moderna ) hanno ricevuto l'autorizzazione all'uso di emergenza dalla FDA ( Food and Drug Administration ) degli Stati Uniti nel dicembre 2020.
Alcuni pazienti negli Stati Uniti hanno sviluppato lesioni cutanee localizzate ritardate come reazione al vaccino ( braccio COVID ).

È stato descritto il decorso delle reazioni cutanee localizzate al sito di iniezione al vaccino Moderna COVID-19, le successive reazioni alla seconda dose di vaccino e sono stati caratterizzati i risultati dell'esame istopatologico della reazione.

Questo studio retrospettivo di una serie di casi è stato condotto presso lo Yale New Haven Hospital, un centro medico a New Haven, nel Connecticut, con 16 pazienti segnalati con reazioni cutanee localizzate al sito di iniezione dal 20 gennaio al 12 febbraio 2021.

Sono state raccolte le informazioni demografiche di ciascun paziente, una breve storia medica pertinente, il decorso clinico e il trattamento, se presente; e sono stati considerati i risultati di un esame istopatologico di 1 campione di biopsia cutanea.

Su 16 pazienti ( età media, 38 anni; 13 donne, 81% ), 14 pazienti si sono autoidentificati come bianchi e 2 come asiatici.

Le reazioni cutanee localizzate, ritardate, si sono sviluppate in una mediana di 7 giorni dopo aver ricevuto il vaccino Moderna COVID-19.
Queste reazioni si sono verificate in corrispondenza o in prossimità del sito di iniezione e sono state descritte come placche rosa pruriginose, dolorose ed edematose. Nessuno dei partecipanti aveva ricevuto il vaccino Pfizer-BioNTech.

I risultati di un campione di biopsia cutanea hanno dimostrato un lieve infiltrato misto prevalentemente perivascolare con linfociti ed eosinofili, coerente con una reazione di ipersensibilità cutanea.

Dei partecipanti che hanno presentato una reazione alla prima dose di vaccino ( 15 su 16 pazienti ), la maggior parte ( 11 pazienti ) ha sviluppato una reazione localizzata simile nel sito di iniezione alla seconda dose di vaccino; la maggior parte ( 10 pazienti ) ha anche sviluppato la seconda reazione prima rispetto alla reazione alla prima dose.

I risultati clinici e istopatologici di questo studio di serie di casi hanno indicato che le reazioni localizzate nel sito di iniezione al vaccino Moderna COVID-19 sono una reazione di ipersensibilità ritardata.
Queste reazioni possono verificarsi prima della seconda dose, ma sono autolimitanti e non associate a gravi effetti avversi del vaccino.
A differenza delle reazioni di ipersensibilità immediata come anafilassi, orticaria, queste reazioni ritardate, denominate braccio COVID, non costituiscono una controindicazione alla successiva vaccinazione. ( Xagena2021 )

Johnston MS et al, JAMA Dermatol 2021; 157: 716-720

Inf2021 Dermo2021 Vac2021 Farma2021


Indietro