Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Sicurezza e immunogenicità del vaccino ChAdOx1 nCoV-19 somministrato in regime prime-boost in adulti giovani e anziani: studio COV002


Gli anziani di età maggiore o uguale a 70 anni sono a maggiore rischio di malattia grave e morte se sviluppano COVID-19, e sono quindi una priorità per l'immunizzazione qualora venga sviluppato un vaccino efficace.
L'immunogenicità dei vaccini è spesso peggiore negli anziani a causa dell'immunosenescenza.

È stata riportata l'immunogenicità di un nuovo vaccino a vettore basato su adenovirus di scimpanzé, ChAdOx1 nCoV-19 ( AZD1222 ), in giovani adulti, e sono state descritte la sicurezza e l'immunogenicità di questo vaccino in una più ampia gamma di partecipanti, inclusi adulti di età pari o superiore a 70 anni.

In questo rapporto della componente di fase 2 di uno studio di fase 2/3 ( COV002 ) in singolo cieco, randomizzato, controllato, adulti sani di età pari o superiore a 18 anni sono stati arruolati in due strutture di ricerca clinica del Regno Unito, in modo progressivo per età, in sottogruppi di immunogenicità di 18-55 anni, 56-69 anni e 70 anni e più.

I partecipanti erano eleggibili se non avevano comorbilità mediche gravi o non-controllate o un punteggio di fragilità elevato ( se di età maggiore o uguale a 65 anni ).
In primo luogo, i partecipanti sono stati reclutati in una coorte a basso dosaggio e, all'interno di ciascun gruppo di età, i partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere ChAdOx1 nCoV-19 intramuscolare ( 2.2 x 10(10) particelle virali ) o un vaccino di controllo, MenACWY, stratificando per età e gruppo di dosaggio e sito di studio, utilizzando i seguenti rapporti: nel gruppo 18-55 anni, 1:1 a due dosi di ChAdOx1 nCoV-19 o due dosi di MenACWY; nel gruppo 56-69 anni, 3:1:3:1 a una dose di ChAdOx1 nCoV-19, una dose di MenACWY, due dosi di ChAdOx1 nCoV-19 o due dosi di MenACWY; e dai 70 anni in su, 5:1:5:1 a una dose di ChAdOx1 nCoV-19, una dose di MenACWY, due dosi di ChAdOx1 nCoV-19 o due dosi di MenACWY.

I regimi di primo richiamo sono stati somministrati a 28 giorni di distanza. I partecipanti sono stati quindi reclutati nella coorte a dose standard ( 3.5-6.5 x 10(10) particelle virali di ChAdOx1 nCoV-19 ) e sono state seguite le stesse procedure di randomizzazione, tranne per il fatto che il gruppo di età compresa tra i 18 ei 55 anni è stato assegnato in rapporto 5:1 a due dosi di ChAdOx1 nCoV-19 o due dosi di MenACWY.

Gli obiettivi specifici di questo rapporto erano la valutazione della sicurezza e dell'immunogenicità cellulare e umorale di un programma a dose singola e a due dosi negli adulti di età superiore ai 55 anni.

Le risposte umorali al basale e dopo ogni vaccinazione fino a 1 anno dopo il richiamo sono state valutate utilizzando un test ELISA standardizzato interno, un test immunologico multiplex e un test di microneutralizzazione di SARS-CoV-2 ( MNA80 ).
Le risposte cellulari sono state valutate utilizzando un saggio ELISA IFN-gamma ex vivo.

Gli esiti coprimari dello studio erano l'efficacia, misurata dal numero di casi di COVID-19 sintomatico e virologicamente confermato, e la sicurezza, misurata dal verificarsi di eventi avversi gravi.

Sono stati riportati i risultati preliminari su sicurezza, reattogenicità e risposte immunitarie cellulari e umorali.

Tra il 30 maggio e l'8 agosto 2020, sono stati arruolati 560 partecipanti: 160 di età compresa tra 18 e 55 anni ( 100 assegnati a ChAdOx1 nCoV-19, 60 assegnati a MenACWY ), 160 di età compresa tra 56 e 69 anni ( 120 assegnati a ChAdOx1 nCoV-19, 40 assegnati a MenACWY ) e 240 di età pari o superiore a 70 anni ( 200 assegnati a ChAdOx1 nCoV-19, 40 assegnati a MenACWY ).

7 partecipanti non hanno ricevuto la dose boost del regime a due dosi assegnato, 1 partecipante ha ricevuto il vaccino errato e 3 sono stati esclusi dalle analisi di immunogenicità a causa di campioni etichettati in modo errato.
280 delle 552 partecipanti analizzabili ( 50% ) erano donne.

Le reazioni locali e sistemiche sono state più comuni nei partecipanti trattati con ChAdOx1 nCoV-19 rispetto a quelli trattati con il vaccino di controllo e di natura simile a quelle precedentemente riportate ( dolore al sito di iniezione, sensazione di febbre, dolore muscolare, mal di testa ), ma sono state meno comuni negli adulti più anziani ( di età maggiore o uguale a 56 anni ) rispetto agli adulti più giovani.

In coloro che hanno ricevuto due dosi standard di ChAdOx1 nCoV-19, dopo la vaccinazione primaria sono state riportate reazioni locali in 43 su 49 partecipanti ( 88% ) nel gruppo 18-55 anni, 22 su 30 ( 73% ) nel gruppo 56-69 anni, e 30 su 49 ( 61% ) nel gruppo di età pari o superiore a 70 anni, e reazioni sistemiche in 42 partecipanti ( 86% ) nel gruppo 18-55 anni, 23 ( 77% ) nel gruppo 56-69 anni, e 32 ( 65% ) nel gruppo di 70 anni e più.

Al 26 ottobre 2020, durante il periodo di studio si sono verificati 13 eventi avversi gravi, nessuno dei quali è stato considerato correlato a nessuno dei due vaccini in studio.

Nei partecipanti che hanno ricevuto due dosi di vaccino, le risposte IgG mediane anti-spike di SARS-CoV-2 28 giorni dopo la dose boost sono state simili nelle tre coorti di età ( gruppi a dose standard: 18-55 anni, 20.713 unità arbitrarie AU/ml, n=39; 56-69 anni, 16.170 AU/ml, n=26; e 70 anni e oltre 17.561 AU/ml, n=47; P=0.68 ).

I titoli anticorpali neutralizzanti dopo una dose boost sono stati simili in tutti i gruppi di età ( MNA80 mediano al giorno 42 nei gruppi a dose standard: 18-55 anni, 193, n=39; 56-69 anni, 144, n=20; e 70 anni e oltre, 161, n=47; P=0.40 ).

Entro 14 giorni dalla dose boost, 208 dei 209 partecipanti con il richiamo effettuato ( superiore al 99% ) avevano risposte anticorpali neutralizzanti.

Le risposte dei linfociti T hanno raggiunto il picco al giorno 14 dopo una singola dose standard di ChAdOx1 nCoV-19 ( 18-55 anni: mediana 1.187 cellule spot-forming [ SFC ] per milione di cellule mononucleate del sangue periferico, n=24; 56-69 anni: 797 SFC, n=29 e 70 anni e oltre: 977 SFC, n=48 ).

ChAdOx1 nCoV-19 è apparso meglio tollerato negli adulti più anziani che negli adulti più giovani e ha un'immunogenicità simile in tutti i gruppi di età dopo una dose boost.
Un'ulteriore valutazione dell'efficacia di questo vaccino è giustificata in tutti i gruppi di età e in individui con comorbilità. ( Xagena2020 )

Ramasamy MN et al, Lancet 2020; 396: 1979-1993

Vac2020 Inf2020 Med2020 Farma2020


Indietro