Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Trombosi venosa cerebrale dopo la vaccinazione contro il COVID-19 nel Regno Unito


Una nuova sindrome di trombocitopenia immune trombotica indotta da vaccino ( VITT ) è emersa come un raro effetto collaterale della vaccinazione contro COVID-19.
La trombosi venosa cerebrale è la manifestazione più comune di questa sindrome ma non è stata precedentemente descritta in dettaglio.

Sono state documentate le caratteristiche della trombosi venosa cerebrale post-vaccinazione con e senza VITT e si è valutato se la VITT sia associata a esiti peggiori.

In uno studio di coorte multicentrico, ai medici è stato chiesto di presentare tutti i casi in cui la vaccinazione da COVID-19 ha preceduto l'insorgenza della trombosi venosa cerebrale, indipendentemente dal tipo di vaccino, dall'intervallo tra il vaccino e l'insorgenza dei sintomi della trombosi venosa cerebrale o dai risultati degli esami del sangue.

Sono state raccolte le caratteristiche cliniche, i risultati di laboratorio ( compresi i risultati dei test per gli anticorpi anti-fattore piastrinico 4 [ anti-PF4 ], ove disponibili ) e le caratteristiche radiologiche al ricovero ospedaliero di pazienti con trombosi venosa cerebrale dopo la vaccinazione contro COVID-19, senza criteri di esclusione.

Sono stati definiti i casi di trombosi venosa cerebrale considerati associati a VITT se la conta piastrinica più bassa registrata durante il ricovero era inferiore a 150 x 10(9) per l e, se è stato misurato il D-dimero, il valore più alto registrato era maggiore di 2.000 microg/l.

Sono stati confrontati i gruppi VITT e non-VITT per la percentuale di pazienti che erano morti o dipendevano da altri per l’aiuto con le attività della vita quotidiana ( punteggio Rankin modificato 3-6 ) alla fine del ricovero ospedaliero ( l'esito primario dello studio ).

Il gruppo VITT è stato anche confrontato con un'ampia coorte di pazienti con trombosi venosa cerebrale descritta nell'International Study on Cerebral Vein and Dural Sinus Thrombosis.

Tra il 1 aprile e il 20 maggio 2021, sono stati ricevuti dati su 99 pazienti da collaboratori in 43 ospedali in tutto il Regno Unito. 4 pazienti sono stati esclusi perché non avevano evidenza definitiva di trombosi venosa cerebrale all'imaging. Dei restanti 95 pazienti, 70 avevano la VITT e 25 no. L'età media del gruppo VITT ( 47 anni ) era inferiore a quella del gruppo non-VITT ( 57 anni; P=0.0045 ).

I pazienti con trombosi venosa cerebrale associata a VITT hanno avuto più trombosi delle vene intracraniche ( mediana 3 ) rispetto ai pazienti non-VITT ( 2; P=0.041 ) e più frequentemente hanno avuto trombosi extracraniche ( 31 su 70 pazienti, 44% ) rispetto ai pazienti non-VITT ( 1 su 25 pazienti, 4%; P=0.0003 ).

L'esito primario di morte o dipendenza si è verificato più frequentemente nei pazienti con trombosi venosa cerebrale associata a VITT ( 33 su 70 pazienti, 47% ) rispetto al gruppo di controllo non-VITT ( 4 su 25 pazienti, 16%; P=0.0061 ).

Questo esito avverso è stato meno frequente nei pazienti con VITT che trattati con anticoagulanti non-eparinici ( 18 su 50 pazienti, 36% ) rispetto a quelli che non li hanno ricevuti ( 15 su 20 pazienti, 75%; P=0.0031 ) e in coloro che sono stati trattati con immunoglobuline per via endovenosa ( 22 su 55 pazienti, 40% ) rispetto a coloro che non le hanno ricevute ( 11 su 15 pazienti, 73%; P=0.022 ).

La trombosi venosa cerebrale è più grave nel contesto della trombocitopenia immune trombotica indotta da vaccino.
Gli anticoagulanti non-eparinici e il trattamento con immunoglobuline potrebbero migliorare gli esiti della trombosi venosa cerebrale associata a VITT. ( Xagena2021 )

Perry RJ et al, Lancet 2021; 398: 1147-1156

Emo2021 Vac2021 Med2021 Farma2021


Indietro