Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Vaccinazione COVID-19 di richiamo eterologa rispetto a omologa in precedenti destinatari di due dosi di vaccino COVID-19 CoronaVac in Brasile: studio RHH-001


Il vaccino SARS-CoV-2 a virione intero inattivato ( CoronaVac, Sinovac ) è stato ampiamente utilizzato in un programma a due dosi.
Si è valutato se una terza dose dell'omologo o un vaccino diverso possa aumentare le risposte immunitarie.

RHH-001 è uno studio di fase 4, con partecipanti in cieco, condotto in due Centri, sulla sicurezza e sull'immunogenicità di adulti brasiliani dai 18 anni in su a San Paolo o Salvador che avevano ricevuto due dosi di CoronaVac 6 mesi prima.
La terza dose eterologa era di un vaccino a vettore adenovirale ricombinante ( Ad26.COV2-S, Janssen ), un vaccino a RNA messaggero ( mRNA ) ( BNT162b2, Pfizer-BioNTech ) o un vaccino a vettore adenovirale ricombinante ( ChAdOx1 nCoV-19, AZD1222, AstraZeneca ), rispetto a una terza dose omologa di CoronaVac.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale stratificando per sito, gruppo di età ( 18-60 anni o 61 anni e oltre ) e giorno di randomizzazione.

L'esito primario era la non-inferiorità degli anticorpi IgG anti-spike 28 giorni dopo la dose di richiamo nei gruppi eterologhi rispetto al regime omologo, utilizzando un margine di non-inferiorità per il rapporto medio geometrico ( eterologo vs omologo ) di 0.67.

Gli esiti secondari includevano la neutralizzazione dei titoli anticorpali al giorno 28, i profili di reattogenicità locale e sistemica, gli eventi avversi e gli eventi avversi gravi.

Tra il 16 agosto e il 1 settembre 2021, 1.240 partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a uno di quattro gruppi, di cui 1.239 vaccinati e 1.205 idonei per l'inclusione nell'analisi primaria.

Le concentrazioni di anticorpi erano basse prima della somministrazione di una dose di richiamo con anticorpi neutralizzanti rilevabili del 20.4% negli adulti di età compresa tra 18 e 60 anni e dell'8.9% negli adulti di età pari o superiore a 61 anni.

Dal basale al giorno 28 dopo il vaccino di richiamo, tutti i gruppi hanno avuto un aumento sostanziale delle concentrazioni di anticorpi IgG: il fold-rise geometrico è stato 77 per Ad26.COV2-S, 152 per BNT162b2, 90 per ChAdOx1 nCoV-19 e 12 per CoronaVac.

Tutti i regimi eterologhi hanno avuto risposte IgG anti-spike al giorno 28 superiori alle risposte di richiamo omologhe: i rapporti delle medie geometriche ( eterologo vs omologo ) sono stati 6.7 per Ad26.COV2-S, 13.4 per BNT162b2 e 7.0 per ChAdOx1 nCoV-19.
Tutti i regimi di richiamo eterologhi hanno indotto alte concentrazioni di anticorpi neutralizzanti lo pseudovirus.

Al giorno 28, tutti i gruppi ad eccezione del richiamo omologo negli anziani hanno raggiunto il 100% di sieropositività: i rapporti delle medie geometriche ( eterologo vs omologo ) sono stati 8.7 per il vaccino Ad26.COV2-S, 21.5 per BNT162b2 e 10.6 per ChAdOx1 nCoV-19.
Gli anticorpi neutralizzanti virus vivi sono stati potenziati anche contro le varianti delta ( B.1.617.2 ) e omicron ( B.1.1.529 ).

Si sono verificati 5 eventi avversi gravi, 3 dei quali sono stati considerati possibilmente correlati al vaccino ricevuto: uno nel gruppo BNT162b2 e due nel gruppo Ad26.COV2-S. Tutti i partecipanti si sono ripresi e sono stati dimessi.

Le concentrazioni di anticorpi erano basse 6 mesi dopo la precedente immunizzazione con due dosi di CoronaVac.
Tuttavia, tutti e quattro i vaccini somministrati come terza dose hanno indotto un aumento significativo degli anticorpi leganti e neutralizzanti, che potrebbe migliorare la protezione contro le infezioni.
Il richiamo eterologo ha prodotto risposte immunitarie più solide rispetto al richiamo omologo e potrebbe migliorare la protezione. ( Xagena2022 )

Costa Clemens SA et al, Lancet 2022; 399: 521-529

Inf2022 Vac2022 Farma2022


Indietro