Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Pneumobase.it

Vaccinazione SARS-CoV-2 e miocardite in uno studio di coorte di Paesi nordici su 23 milioni di residenti


Sono emersi casi di miocardite dopo la vaccinazione anti-SARS-CoV-2 con vaccini a RNA messaggero ( mRNA ).

Sono stati valutati i rischi di miocardite e pericardite in seguito alla vaccinazione SARS-CoV-2 per prodotto vaccinale, numero della dose di vaccinazione, sesso ed età.

Sono stati condotti 4 studi di coorte secondo un protocollo comune e i risultati sono stati combinati mediante meta-analisi.
La popolazione consisteva di 23.122.522 residenti di età pari o superiore a 12 anni.
Sono stati seguiti dal 27 dicembre 2020, fino a miocardite o pericardite incidente, censura o fine dello studio, il 5 ottobre 2021.

I dati sulle vaccinazioni SARS-CoV-2, le diagnosi ospedaliere di miocardite o pericardite e le covariate per i partecipanti sono state ottenute da Registri sanitari nazionali collegati in Danimarca, Finlandia, Norvegia e Svezia.

I pazienti sono stati esposti ai periodi di rischio di 28 giorni dopo la data di somministrazione della prima e della seconda dose di un vaccino SARS-CoV-2, inclusi BNT162b2 ( Pfizer-BioNTech ), mRNA-1273 ( Moderna ) e AZD1222 ( AstraZeneca ) o loro combinazioni.
Un programma omologo è stato definito come la somministrazione dello stesso tipo di vaccino per le dosi 1 e 2.

Gli eventi di esito incidente sono stati definiti come la data del primo ricovero ospedaliero in base alla diagnosi di dimissione primaria o secondaria per miocardite o pericardite dal 27 dicembre 2020 in poi.
L'esito secondario era la miocardite o la pericardite combinate da cure ospedaliere o ambulatoriali.

Tra i 23.122.522 residenti di paesi nordici ( 81% vaccinati entro la fine dello studio; 50.2% femmine ) sono stati identificati 1.077 eventi di miocardite incidente e 1.149 eventi di pericardite incidente.

Entro il periodo di 28 giorni, per maschi e femmine di età pari o superiore a 12 anni combinati che hanno ricevuto un programma omologo, la seconda dose è stata associata a un rischio più elevato di miocardite, con rapporti di incidenza aggiustati ( IRR ) aggiustati di 1.75 per BNT162b2 e 6.57 per mRNA-1273.

Tra i maschi di età compresa tra 16 e 24 anni, l'IRR aggiustato è stato 5.31 per una seconda dose di BNT162b2 e 13.83 per una seconda dose di mRNA-1273 e i numeri di eventi in eccesso sono stati 5.55 eventi per 100.000 vaccinati dopo la seconda dose di BNT162b2 e 18.39 eventi per 100.000 vaccinati dopo la seconda dose di mRNA-1273.

I risultati di questo ampio studio di coorte hanno indicato che sia la prima che la seconda dose di vaccini con RNA messaggero sono state associate a un aumentato rischio di miocardite e pericardite.
Per gli individui che hanno ricevuto 2 dosi dello stesso vaccino, il rischio di miocardite è stato più alto tra i giovani maschi di età compresa tra 16 e 24 anni dopo la seconda dose.

Questi risultati sono compatibili con 4-7 eventi in eccesso in 28 giorni per 100.000 vaccinati dopo BNT162b2 e 9-28 eventi in eccesso per 100.000 vaccinati dopo mRNA-1273. Questo rischio dovrebbe essere bilanciato con i benefici della protezione contro la malattia COVID-19 grave. ( Xagena2022 )

Karlstad Ø et al, JAMA Cardiol 2022; 7: 600-612

Inf2022 Cardio2022 Vac2022 Med2022 Farma2022


Indietro