Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Vaccino SARS-CoV-2 mRNA-1273 negli anziani


Il vaccino SARS-CoV-2 mRNA-1273 è tollerato e immunogenico negli anziani. Tuttavia, per questa popolazione vulnerabile mancano ancora dati sull'immunogenicità prolungata e sull'efficacia nella prevenzione della forma grave di COVID-19.

Il vaccino mRNA-1273 prodotto da Moderna codifica una versione stabilizzata del trimero glicoproteico spike a lunghezza intera di SARS-CoV-2 ( S-2P ).

Lo studio clinico di fase 1, iniziale, in aperto, di mRNA-1273 sponsorizzato da NIAID ( National Institute of Allergy and Infectious Diseases ) è stato ampliato per includere 40 adulti di età superiore o uguale a 56 anni a cui è stata somministrata una dose di 25 μg o 100 μg del vaccino nei giorni 1 e 29 dello studio per un totale di due dosi.
I partecipanti sono stati stratificati per gruppi di età: età 56-70 ( n = 20 ) e età 71 o più ( n = 20 ).

Al momento dell'arruolamento non è stato eseguito alcuno screening per l'infezione SARS-CoV-2 passata o attuale.

I partecipanti sono stati seguiti fino al giorno 57 per gli effetti avversi, la quantificazione degli anticorpi e le risposte neutralizzanti e le risposte delle cellule T.

Non sono stati segnalati eventi avversi gravi. Gli eventi avversi più comuni sono stati: cefalea, affaticamento, mialgia, brividi e dolore al sito di iniezione, che si sono verificati più frequentemente e con maggiore intensità in coloro che hanno ricevuto la dose di 100 μg.

I titoli degli anticorpi IgG ( immunoglobulina G ) verso S-2P e il dominio di legame del recettore sono aumentati rapidamente dopo la vaccinazione in modo dose-dipendente, con partecipanti di 71 anni o più con titoli più alti rispetto a quelli di età compresa tra 56 e 70 anni.

Allo stesso modo, è stata notata una risposta di neutralizzazione virale dose-dipendente e di entità simile in entrambi i gruppi di età e rispetto a quella precedentemente riportata nei partecipanti di età 18-55 anni.
L'attività neutralizzante è rimasta elevata fino a 4 settimane dopo la seconda dose del vaccino.

Il vaccino ha indotto una forte risposta delle citochine CD4 con coinvolgimento delle cellule T helper di tipo 1 ( Th1 ) tra i partecipanti nei due sottogruppi di età che hanno ricevuto la dose da 100 μg e tra i partecipanti di età compresa tra 56 e 70 anni che hanno ricevuto la dose da 25 μg.

In conclusione, il vaccino mRNA-1273 è sicuro negli anziani anche a dosi più elevate e ha indotto con successo risposte immunitarie anti-SARS-CoV-2.

Questo sottostudio della sperimentazione clinica di fase 1 per il vaccino mRNA-1273 di Moderna, sebbene di piccole dimensioni, fornisce risultati rassicuranti per quanto riguarda la tollerabilità e l'immunogenicità del vaccino.
Lo studio dei vaccini negli anziani è fondamentale, perché: 1) rappresentano la popolazione a più alto rischio di malattie gravi e trarrebbero i maggiori benefici da un vaccino efficace; 2) l'invecchiamento è associato a immunosenescenza, ovvero disfunzione del sistema immunitario, e 3) di conseguenza, le risposte ai vaccini per altre malattie sono attenuate negli anziani. ( Xagena2020 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2020

Inf2020 Med2020 Vac2020 Farma2020



Indietro